Geografia

sat1

Dall’immagine satellitare si evidenzia che Lampedusa, nella sua posizione geografica è l’ultimo lembo di territorio Italiano ed Europeo all’estremo sud del Mediterraneo e poggia sulla piattaforma continentale Africana. L’aspetto del paesaggio, la vegetazione sul suo territorio, i fondali che diminuiscono di profondità verso l’Africa, la fauna marina ricca di una moltitudini di specie anche dall’aspetto tropicale, il clima particolarmente mite per un lunghissimo periodo dell’anno, rendono quest’isola esotica e unica nel Mediterraneo.

Lampedusa, affascinante e suggestiva, è un pezzo d’Africa al centro del Mediterraneo con coste frastagliate e suggestive calette. Attaccata alla piattaforma Africana emerge dalle acque al 35° parallelo, posizione geografica particolarmente privilegiata per il clima e per i fondali circostanti ricchi di fauna marina molto variegata di specie. Nella acque circostanti Lampedusa, grandi aree con fondali bassi formano i famosi banchi, ideali per la riproduzione del pesce, tanto da essere considerati i vivai naturali del Mediterraneo. La costa sud/ovest dell’isola è caratterizzata da molte insenature e baie, in particolare queste ultime, hanno un fondale di sabbia bianca finissima che esalta la limpidezza dell’acqua facendole assumere una varietà di colori con incredibili sfumature, dando alle baie un aspetto invitante e suggestivo.Tra le baie quella dei Conigli è senz’altro la più bella, non solo di Lampedusa ma del Mediterraneo.

sat2

In questa Baia le Tartarughe Caretta Caretta depongono le uova dai tempi dei tempi, dando vita ad un evento straordinario che si ripete da millenni con regolare puntualità. Da qualche anno è diventata riserva fruibile per far si che venga rispettato l’habitat. Il personale della Lega Ambiente, che ha la gestione della riserva, oltre a salvaguardare per mantenere integrale nella sua naturale bellezza questa parte stupenda dall’isola, individua i punti dove le tartarughe hanno depositato le uova e li protegge con delle cupolette in rete metallica. L’accesso alla baia nelle ore diurne è praticamente libero nel numero ma con delle regole: divieto di accesso con macchine, scooters e barche, sia per mare che per terra, vietandone la fruizione nelle ore notturne, questo per raggiungere un giusto equilibrio tra l’afflusso di persone nella baia e la continuità naturale di questo evento. Può succedere di assistere alla schiusa delle uova di tartaruga oppure alla liberazione di tartarughe recuperate in mare con ferite di vario genere e curate dal personale volontario del WWF.